Allenatore di basket condannato a 2 anni di carcere per molestie sessuali

Secondo l’accusa avrebbe infastidito dei giovani giocatori in palestra
Perugia

E' stato riconosciuto colpevole e dunque condannato dal gup di Perugia a due anni di reclusione, l'allenatore di basket finito sotto processo con l’accusa di aver molestato alcuni ragazzini nello spogliatoio della palestra, tra il 2012 e il 2015.

Solamente tre delle nove persone si sono costituite parte civile e il giudice per l’udienza preliminare Carla Giangamboni, nell’ambito del processo con rito abbreviato che garantisce all’imputato lo sconto di un terzo della pena, ha riconosciuto loro una provvisionale di risarcimento pari a 8 mila euro.

L’imputato, 50 anni, nell’autunno 2015 era finito agli arresti domiciliari ma all’esito dell’interrogatorio di garanzia era stato rimesso in libertà. In ogni modo aveva deciso di dimettersi dagli incarichi nella società sportiva.