Albanese beccato con 36 grammi di cocaina, arrestato e messo ai domiciliari

Arrestato dai carabinieri, messo ai domiciliari dal giudice
Perugia

Un albanese di 25 anni, già noto alle forze dell'ordine, nascondeva nell'auto 44 involucri di cocaina. Per questo motivo è stato arrestato dai carabinieri, a Perugia, nel corso di un mirato servizio di contrasto allo spaccio al dettaglio di stupefacenti.

I militari, transitando in località San Sisto, hanno notato il giovane in compagnia di una persona. Alla vista dei militari, i due hanno tentato la fuga ma sono stati raggiunti e identificati (l'altro giovane era un italiano).
Nel corso del successivo controllo sono stati trovati nella disponibilità dell'albanese un involucro in cellophane contenente cocaina e un telefono cellulare. A seguito di una perquisizione della vettura in uso al presunto spacciatore, sono stati poi scoperti altri 43 involucri termosaldati, contenenti complessivamente 36 grammi circa della medesima sostanza.
L'arresto è già stato convalidato e il giudice ha disposto i domiciliari.

Ora ci si chiede: ma che tocca fare per vedere finire in galera tali furfanti e magari liberarsene per sempre rimandandoli a casa loro? E' evidente che l'albanese si sarà fatto una bella opinione della giustizia italiana, che anche quando lo becca con le mani nel sacco se ne guarda bene di agire in maniere punitiva.
Con molte probabilità ci si rivede alla prossima "distribuzione" di pani e di pesci...