Agricoltura multifunzionale, il 16 marzo convegno ad Orvieto

Il progetto nocciole ha ottenuto il sostegno delle Regioni e delle Associazioni di Categoria
Argomenti correlati
Orvieto

Si parla molto in questi mesi della monocoltura intensiva dei noccioli, che sta colonizzando il territorio Orvietano, dell'alta Tuscia e parte della Maremma Toscana. Il progetto nocciole ha ottenuto il sostegno delle Regioni interessate, delle Associazioni di Categoria ed addirittura dei Piani di Sviluppo Rurale europei.

Molti cittadini, agricoltori ed associazioni hanno invece sollevato dei dubbi sulle conseguenze e sugli impatti ambientali, economici e sociali che tali trasformazioni possono avere sul nostro territorio.

Per questo la Rete Interregionale Protezione Ambiente invita la cittadinanza a partecipare il 16 marzo alle ore 10:00 all'incontro pubblico che si terrà ad Orvieto, Palazzo dei Sette, sul tema: I noccioli del problema "Gli impatti delle monocolture intensive tra Alfina, Orvietano e Tuscia".

Il convegno della mattina avrà due parti. Nella prima si affronterà il tema "Impatti ambientali, sociali ed economici: il bene di pochi e il male di molti" con la finalità di promuovere conoscenza scientifica in merito all'impatto che la monocoltura delle nocciole avrà sul comprensorio a cavallo delle tre regioni.

La seconda parte del convegno si focalizzerà invece sul tema "Il Territorio: un Bene di tutti", a partire dall'intervento di Haring Friedrich, che racconterà l'esperienza di Malles (Alto Adige), dove la popolazione ha bandito i pesticidi tramite referendum; poi Marco Lauteri, del Cnr-Iret di Porano, che parlerà della necessità, confermata di recente dalla Fao, di arginare la perdita di biodiversità cercando un nuovo rapporto tra territorio ed agricoltura; quindi Gabriele Antoniella, abitante dell'Alfina, che porterà la voce del Comitato Quattro Strade che si è battuto da subito contro l'invasione della coricoltura sull'altopiano; infine la voce delle realtà contadine che, da anni, si stanno sviluppando con successo nel territorio basandosi su qualità, tipicità, multifunzionalità e biodiversità come risorsa, non come pericolo.