“Valorizzare il made in Italy” tra i motivi dell’acquisto di Auchan Italia

Ritorna a casa un’azienda che era italiana con l’insegna ‘Città Mercato’
Economia

(A.L.) Il made in Italy si difende anche rinforzando la catena commerciale italiana poiché le marche straniere prediligono i prodotti di casa loro. Tornano così sotto il tricolore i supermercati già ‘Città Mercato’ comprati dai francesi nel 2004.

E’ questo uno degli effetti dell’acquisto di Auchan Italia da parte di Conad, che insieme a Coop ed Esselunga ma anche Eurospin suonano la carica per i prodotti nostrani.

Non solo, una recente indagine di mercato indica che per redditività le catene italiane battono tutte quelle straniere con margini industriali superiori a quelli del colosso americano Wal-Mart.

Anche la Coldiretti si è espressa con parole di elogio perché Conad “ha un modello di business che non pensa solo ai grandi produttori italiani ma anche alle Pmi del territorio”.

“Nei nostri store – afferma il presidente Conad Francesco Pugliese - l’incidenza dei prodotti locali infatti non è mai inferiore al 30% . Senza dimenticare che il 95% dell’agroalimentare è sempre rigorosamente italiano”.

Con questa operazione il Consorzio Dettaglianti acquisisce la leadership della grande distribuzione in Italia, segnale evidente di fiducia nello stato di salute del settore e nelle potenzialità di consumo degli italiani. Con il 18% di quota di e 8 milioni e 300 mila famiglie che ogni settimana entrano nei supermercati del marchio italiano, vi sono ampie potenzialità di crescita grazie alla nuova rete.

Infine da sottolineare come Conad, acquisendo l’ex Auchan, si rafforza nel nord e centro Italia.