Due arresti per rapina

Finito in carcere anche un investigatore privato
Corciano

Arrestate dai carabinieri di Corciano due persone con l’accusa di aver rapinato il titolare di una sala scommesse e una gioielleria nella provincia di Perugia. In manette sono finisti Lorenzo Berrettini, 47 anni, investigatore privato, e un suo collaboratore, Michele Ricci. L'accusa per entrambi è quella di rapina. Sotto esame degli inqurenti il colpo portato a segno il 26 marzo scorso nella sala scommesse situata nella galleria di Ellera di Corciano, in cui il titolare venne immobilizzato e pestato, prima di sottrargli 36mila euro. E per gli inquirenti è riconducibile sempre a loro la rapina del 18 maggio ad Arezzo. In quel caso i banditi sfondarono il vetro di una gioielleria per poi tramortire l'orafo e razziare i preziosi per un valore di 80mila euro.
 Per ora non trapela molto di più. Si sa solamente che gli arresti, richiesti dal sostituto procuratore Mario Formisano, sono stati ordinati dal giudice per le indagini preliminare Piercarlo Frabotta.   Il contenuto dell’interrogatorio di garanzia che si è svolto venerdì mattina negli uffici del tribunale penale di via XIV Settembre è top secret.