Vertenza Nardi, nuovo confronto fra sindacati e azienda

Si attende l'esito dell'incontro in cui si è discusso di tagli e rilancio aziendale
Città di Castello

Importante incontro venerdì 21 settembre tra la direzione aziendale Nardi, organizzazioni sindacali Fim Cisl, Fiom Cgil, Uilm Uil e RSU. La riunione, voluta dalla parte sindacale, è da considerarsi il prosieguo del confronto relativo alla vertenza aziendale, apertasi a fine 2017 con la vendita delle azioni della famiglia Nardi alla finanziaria Anchorage che, appena entrata in possesso dell’azienda, ha dichiarato di voler effettuare una ristrutturazione pesante riducendo ai minimi termini il personale. Decisione che, in presenza dei mancati pagamenti degli stipendi, ha fatto scattare settimane di sciopero da parte dei lavoratori, che hanno desistito solo a seguito del ricorso aziendale alla richiesta di concordato preventivo e attivazione di un anno di Cassa integrazione straordinaria (Cigs).

Da allora la produzione è ripartita con volumi produttivi ridotti, poco meno del 50% del personale al lavoro ed il restante in Cigs. La richiesta di concordato, corredata dal piano di rientro debitorio, è stata presentata definitivamente il 30 luglio scorso e, ad oggi, non è stato ancora emesso il decreto di ammissione al concordato da parte del giudice.

Fim, Fiom, Uilm e la Rsu si sono dichiarate indisponibili ad accettare riduzioni drastiche del personale, chiedendo all’azienda di ripensare all’organizzazione del lavoro, tenendo conto delle professionalità cresciute internamente, per dare risposte adeguate ed in tempi brevi ad un mercato sempre più esigente che un eccessivo decentramento delle produzioni non sarebbe in grado di soddisfare.

Su questo Fim, Fiom e Uilm hanno chiesto all’azienda un impegno a confrontarsi anche con le istituzioni ed il Ministero, per verificare la possibilità di attivare un altro anno di CIGS che, tenendo conto anche dell’età media dei lavoratori, potrebbe contribuire alla chiusura della vertenza in modo meno traumatico di come si presenta oggi.

L’incontro si è concluso con la dichiarazione dell’azienda della disponibilità ad accogliere la richiesta di verifica per un ulteriore periodo di CIGS, tutta da costruire stante l’attuale regolamentazione degli ammortizzatori sociali. Tuttavia rimane intenzione dell’azienda a procedere, in breve tempo, ad attivare la procedura per i licenziamenti, che stante l’attuale situazione avrebbero attuazione alla fine della CIGS oggi in essere e cioè al 7 febbraio 2019.

Riconvocato il tavolo di confronto per il 27 settembre, anche per verificare se ci sarà il decreto per l’ammissione al concordato e se qualcosa si potrà fare sulla CIGS, viste le richieste che a livello nazionale Fim, Fiom e Uilm stanno portando avanti, a sostegno delle quali si è svolto lunedì 24 settembre a Roma un presidio di fronte al Mise.